Residenza #3 – Che si trovino male

Qual è il valore della scuola e dell’educazione nella società? Come incide negli adulti del futuro?
In questa terza residenza, indaghiamo un tema cruciale, anche in vista di ciò che sta accadendo in questo momento storico
Ne riflettiamo grazie all’ospitalità di Che si trovino male, uno spettacolo inedito che cerca di investigare la tematica dell’educazione e della scuola intesa come possibilità di tirar fuori dall’individuo le condizioni dell’essere cittadino di domani.

Che si trovino male racconta la storia di Lara Ledda, maestra sarda che, negli anni Sessanta, si trasferisce a Roma e si ritrova ad insegnare in una classe di borgata. In questo villaggio di baracche, Lara scopre un’umanità di immigrati, prostitute e travestiti. Nella sua nuova classe conosce: Esterina, di 11 anni, che dice di avere un fratello trombettista di cui parla continuamente anche se nessuno le crede; Paola che ruba da quando aveva otto anni, grazie agli insegnamenti del padre; Ortensia che ha una sorella zoppa, ma bellissima, che canta nelle osterie e si dice faccia sparire la gente. Lara si trova a sperimentare un nuovo modo di fare scuola attraverso cui le alunne, dal sentirsi gli scarti di una scuola e una società che le rifiuta, intraprendono un percorso verso la consapevolezza e la dignità.

Lo spettacolo è un progetto della compagnia I Franchi, neo nata compagnia per cui: “Parlare di educazione oggi apre a una riflessione su come vogliamo immaginare il futuro e su come fin ora è stato immaginato per noi“.

Anche l’opera scelta per questa terza residenza lavora su una dimensione multilinguistica. Che si trovino male unisce teatro, musica dal vivo e disegno in un unicum che consente la fruizione del racconto in modo semplice, leggero e innovativo. Dopo le esperienza di residenza ad Arsoli (Ro) e a Milano, dal 25 al 31 marzo gli artisti abiteranno il nostro teatro Bellarte per mettere in relazione il lavoro dell’attore con l’apparato scenico, cercando il modo più funzionale ed espressivo per narrare questa storia e i temi che essa rappresenta.

Vuoi conoscere meglio il progetto e la compagnia? Guarda la loro bio artistica

LA COMPAGNIA RACCONTA LA RESIDENZA

Martedì 30 marzo, ore 19.00
Nel penultimo giorno di residenza, incontriamo gli artisti della compagnia I Franchi (Giulia Angeloni, Francesca Cassottana, Roberto Dibitonto, Andrea Gagliotta e Camilla Lucarelli) per una condivisione del loro percorso artistico nella creazione dello spettacolo, nonché per riflettere insieme sul ruolo della scuola e dell’educazione nella società di ieri, così come in quella attuale.

L’incontro è gratuito, si svolge su zoom e dura circa un’ora.
Partecipa scrivendo a biglietteria@fertiliterreniteatro.com, riceverai una mail con tutte le informazioni e il link della stanza virtuale dove ci incontreremo.

Residenza e incontro sono inseriti nel calendario della stagione online Connessioni Teatrali di Fertili Terreni Teatrali

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.